MAGAZINE 365G
Cucciolo sul divano che dorme
Salute e benessere

Come accogliere un cucciolo in casa

ARRIVO DI UN CUCCIOLO: CONSIGLI PER ACCOGLIERLO AL MEGLIO

L’arrivo di un cucciolo in famiglia è una festa che coinvolge tutti: scelta del nome, acquisto degli accessori e tanta attesa, fino al giorno tanto sospirato.
Ma come partire con il piede giusto per offrire al piccolo la condizione più favorevole al suo sviluppo psico fisico?
Come essere certi che la convivenza sia felice per tutti?

Ecco qualche consiglio per essere pronti ad accoglierlo al meglio.

PRIMA DI PORTARLO A CASA: SCEGLIAMO IL MEDICO VETERINARIO

Il nostro primo alleato sarà il Medico Veterinario. A lui il compito di decidere come affrontare le scelte strategiche per la sua salute:

  • profilassi vaccinale - per la protezione di malattie potenzialmente mortali
  • profilassi antiparassitaria - per evitare la trasmissione di malattie anche zoonotiche, cioè trasmissibili all’uomo
  • alimentazione - per un accrescimento in salute.

Ecco perché sarà molto importante richiedere il libretto sanitario del cane su cui saranno annotate le precedenti terapie effettuate, da poter presentare al proprio Medico Veterinario.

Inoltre, il cucciolo dovrebbe essere sottoposto a trattamenti antiparassitari sia prima che dopo l’arrivo in casa, sempre su indicazione del proprio Medico di riferimento.

Per l’alimentazione, di solito, si somministra il cibo a cui è abituato per almeno 15-20 giorni, tempo necessario a un adattamento ambientale, per poi modificarla in caso il proprio veterinario lo ritenga necessario.

 

cucciolo dal veterinario

EDUCAZIONE DELLA FAMIGLIA E DEL PICCOLO

Un cucciolo che entra in famiglia diventa oggetto di grande attenzione.
Imparare a comprendere le sue esigenze e modi di comunicare dal primo momento, fino a quando sarà grande, è importante. È sempre consigliato, in particolare se si è alla prima esperienza, rivolgersi a professionisti che possano dare indicazioni sulla sua gestione, anche in considerazione della razza e taglia del soggetto.

Diversi studi hanno dimostrato che i bambini come gli adulti traggono benefici importanti dalla vicinanza di un cane, soprattutto dal punto di vista psicologico.

In questi tempi di pandemia gli animali sono stati un supporto morale importante. Hanno, però, subito anche lo stress di avere il proprietario in casa tutto il giorno, per poi vederlo allontanare per diverse ore, quando il lavoro è ricominciato.

Ecco perché è importante insegnare fin da subito al cucciolo a rimanere da solo senza stress.
Allo stesso modo è da ricordare che i cani non possono essere lasciati per troppe ore in solitudine, anche se hanno un giardino e spazio dove restare.
Per loro è l’interazione con l’umano la cosa più importante.

I cuccioli hanno bisogno di riposo, stimoli, regole, affrontati con la giusta pazienza e approccio comunicativo che cambia a seconda del tempo che ha trascorso con la madre che solo dopo i 50 giorni sarà in grado di impartire le “buone maniere” al cucciolo.

IL CUCCIOLO MORDE PER ESPLORARE

Proprio il morsicare è un problema che può diventare fastidioso per la nuova famiglia.
Il cucciolo morde per scoprire il mondo. Quando è adulto, la masticazione è un’attività rilassante ed è il motivo per cui gli si lasciano a disposizione premi che si prestano a questa attività (come il corno di cervo o simili).
Insegnare al piccolo fin da subito cosa può e cosa non può mordere è importante per evitare danni a mobili, scarpe e oggetti vari che potrebbero essere scambiati come giochi o diventare pericolosi corpi estranei ingeriti.

INSEGNARE A SPORCARE FUORI

Il cucciolo dovrà imparare a sporcare possibilmente in un ambiente esterno rispetto a casa. Ci vorrà tempo in quanto non avrà la capacità di controllare totalmente gli sfinteri fino a circa 5/6 mesi.
Questo non significa che non imparerà fino a quel momento, ma che potrà “sgarrare” per sua distrazione.

Creare delle routine lo aiuterà molto

Portarlo fuori in momenti precisi quali:

  • appena finito di mangiare
  • appena sveglio dal riposino
  • se si ferma ad annusare per terra, improvvisamente, durante il gioco
  • finito di giocare
  • mattina presto appena sveglio
  • la sera tardi prima di coricarsi

aiuterà a creare un’abitudine a sporcare in una zona dove è gradito che lo faccia.

Cuccia del cucciolo di cane

CUCCIA E LUOGHI DI RIPOSO

Il cucciolo ha bisogno di riposare. Lo farà volentieri dopo mangiato (e dopo aver sporcato).
Consentire al cucciolo di riposare da solo in un ambiente tranquillo, senza la presenza di persone, magari semplicemente in una stanza differente, può consentirgli di sentirsi sereno anche da adulto.

DORMIRE SUL LETTO O NELLA CUCCIA?
Non è facile dare un consiglio assoluto e sono molte le scuole di pensiero. Cercheremo, quindi, di dare un consiglio di buon senso:

  • ricorda che se il piccolo dorme sul letto oggi, lo farà anche quando sarà adulto (e potrebbe non pesare più pochi chili)
  • abituare a dormire sul letto fin da piccolo non ti consentirà di fargli cambiare idea senza rovinarti diverse notti di sonno: quando cambierai idea, lui si farà sentire con pianti e abbai durante la notte
  • consentire al cane di dormire sul letto significa prestare la massima attenzione alla profilassi antiparassitaria e alla sua igiene per evitare di portare nel nostro giaciglio fastidiosi ospiti.

SOCIALIZZAZIONE

L’abitudine a rumori, persone, altri animali è la base per crescere senza timori o aggressività verso gli estranei.
A seconda dell’attitudine del cucciolo, della sua razza o incrocio, sarà importante valutare questo aspetto per un equilibrato accrescimento psichico.
Farlo socializzare con il mondo esterno fin dalle primissime settimane di vita è la scelta più corretta per evitargli turbe da adulto.

ARRICCHIMENTO AMBIENTALE

Infine, è importante ricordare che i cuccioli hanno la necessità di crescere in modo sano anche dal punto di vista osteoarticolare.
Consentirgli di camminare su superfici non perfettamente lisce come pedane, tappeti, prati e simili e non soltanto su piastrelle e pavimenti di casa, gli consentirà di rafforzare la muscolatura in modo armonico.
Attenzione poi a salti da poltrone e divani: l’altezza da cui si possono lanciare spesso è pari o superiore alla stessa altezza del cucciolo. È come se noi facessimo salti da altezze pari o superiori alla nostra statura.
L’apparato muscoloscheletrico del piccolo deve ancora irrobustirsi e rischia di incorrere in traumi che potrebbero provocare dolori osteoarticolari da adulto.

Rimani aggiornato e scopri altri consigli utili visitando la sezione dedicata al cucciolo Cuccioli | 365

Articoli simili

Tutti gli articoli
Cane con proprietari al parco in inverno
Salute e benessere

Cani e inverno: ecco come comportarsi

leggi tutto
Cane con mascherina per rischio di ingestione di veleni
Salute e benessere

Avvelenamento cani

leggi tutto
Cane che perde pelo sul divano enl periodo di muta
Salute e benessere

Muta del cane: cos’è?

leggi tutto
Cane in giardino fra le piante
Salute e benessere

Alimenti tossici nel cane

leggi tutto
Cane che fa il bagno
Salute e benessere

Lavaggio cane e antiparassitari

leggi tutto

>>Entra
a far parte
del club 365G
REGISTRATI!
>>